Festival della tradizione gastronomica marchigiana

Il primo Festival della Tradizione Gastronomica Marchigiana si svolgerà il prossimo 14 luglio alle 20:30 nella suggestiva cornice di Rocca Tiepolo.

festival della tradizione economica marchigiana - tito vagniFestival della tradizione gastronomica marchigiana: Il direttore artistico, Tito Vagni 

Il direttore artistico del Festival, Tito Vagni, collaboratore della guida “I ristoranti d’Italia de L’Espresso e docente di Sociologia dei media, dichiara senza troppi giri di parole l’intento della manifestazione: “nell’odierno quadro culturale e sociale, gli eventi gastronomici sono divenuti momenti culturali di straordinaria importanza, che consentono di avvicinare il grande pubblico allo spettacolo gastronomico, tradizionalmente elitista ed esclusivo. Il nostro è un Festival va in questa direzione, ed è pensato per riflettere sulla tradizione, termine abusato e talvolta travisato sia nel linguaggio pubblico sia nella ristorazione”. Il Festival della Tradizione Gastronomica Marchigiana risponde alle esigenze della ristorazione regionale che vive un particolare periodo di fermento ed è alla ricerca della visibilità che merita. “Per questo – continua Vagni – abbiamo pensato ad un format diverso dal solito, che metta insieme approfondimento culturale e momenti di piacere gastronomico consapevole”.

Festival della tradizione marchigiana: perchè nasce l’appuntamento di Rocca Tiepolo?  

L’intento è quindi quello promuovere i cuochi marchigiani e contribuire alla preservazione del patrimonio gastronomico della Regione, da sempre all’avanguardia nell’alimentazione. Paolo Concetti, coordinatore dell’evento, lascia intendere le ambizioni dell’iniziativa “il festival è dedicato ad un tema decisivo, per questo avrà cadenza annuale. Sarà un appuntamento fisso con la tradizione per consentire a tutti di conoscerla, di apprezzarla come merita e di comprenderne le specificità, ma anche per tematizzarla e problematizzarla”.

Cosa ci sarà nel festival della tradizione gastronomica marchigiana?

festival della tradizione gastronomica marchigiana - il menu della serataPer l’edizione 2018, la data zero del Festival, è prevista una cena per 100 persone sedute (menu di 5 portate a 50 euro più varie sorprese) che avranno l’occasione di ascoltare anche giornalisti di settore, come l’importante storico delle idee e critico gastronomico Gianluca Montinaro, il volto televisivo del Gambero Rosso Channel Laura Di Pietrantonio o il responsabile Marhe della Guida Le Osteria d’Italia, Antonio Attorre. Per loro e per gli altri ospiti è previsto un vero e proprio salottino allestito da Ricci Arredamenti di Porto Sant’Elpidio a ridosso della postazione principale dove avverranno i cooking show. Protagonista della serata il noto cuoco maceratese Michele Biagiola, uno dei maggiori interpreti della tradizione culinaria della marchigiana, che sorprenderà con piatti che sfideranno la tradizione in modo creativo e originale, accompagnati da una selezione di importanti vini del Piceno.

I commenti istituzionali

A descrivere l’importanza del Festival per l’amministrazione ci ha pensato il sindaco di Porto San Giorgio Nicola Loira: “Rocca Tiepolo è uno dei luoghi più belli e suggestivi non solo della nostra città ma dell’intero territorio, luogo ideale per eventi culturali e questo festival a suo modo rientra in questa classificazione: cucina, buon cibo e rapporto con il territorio sono infatti tutti elementi di una cultura e di una consapevolezza che si sta sempre più affermando e che anche come Comune teniamo molto a sostenere”.

Un’iniziativa che secondo le intenzioni dell’assessore alla cultura Elisabetta Baldassarri potrà assumere una rilevanza extracomunale e regionale”.

Principale sponsor dell’iniziativa è il Circuito Marchex di Civitanova Marche, guidato da Sabrina Poggi, che da anni si è caratterizzata per la volontà di mettere in rete le eccellenze del territorio e, grazie a questo festival, intende aiutare alche il comparto alimentare del territorio.

festival della tradizione gastronomica marchigiana: chef Michele Biagiola

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *